Convegni

Convegno “Falso! Il patrimonio culturale e la difesa dell’autenticità”, 25-27 ottobre 2018, Museo Nazionale Romano – Palazzo Altemps

Presso la sede di Palazzo Altemps, all’interno del suo magnifico Teatro, si è svolto, tra il 25 e il 27 ottobre, il convegno “Falso! Il patrimonio culturale e la difesa dell’autenticità” organizzato nell’ambito del Master biennale di II livello “Esperti nelle attività di valutazione e di tutela del patrimonio culturale”, attivo presso l’Università degli Studi di Roma Tre in collaborazione con il Mibac e il Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale

di Cristina Cumbo

Quella tra il Comando e l’Università degli Studi di Roma Tre è ormai una cooperazione che si avvia a diventare una garanzia formativa per studenti e studiosi di varia provenienza – dalle scienze archeologiche, alla storia dell’arte, passando per l’archivistica, la diagnostica, la giurisprudenza, etc. – che hanno deciso di indirizzare il proprio interesse verso la tematica della tutela, del contrasto ai traffici illeciti e quindi anche della falsificazione in materia archeologica e storico-artistica. Risale al 2013 l’organizzazione del I corso di perfezionamento in “Tutela del patrimonio culturale: conoscenza storica e diagnostica scientifica per il contrasto alle aggressioni criminali”, giunto fino alla III edizione ed evolutosi in ben due master: uno, di I livello, partito nel 2015, in “Esperti nella tutela del patrimonio culturale”, e un secondo, biennale e di II livello, in “Esperti nelle attività di valutazione e di tutela del patrimonio culturale”.

È il Gen. B. Fabrizio Parrulli, Comandante dei Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale, ad aprire la rassegna di interventi dopo i saluti della Direttrice del Museo Nazionale Romano, Daniela Porro, e la moderazione della Responsabile di Palazzo Altemps, Alessandra Capodiferro.

IMG_20181025_155542

Il Gen. B. Fabrizio Parrulli e la dott.ssa Alessandra Capodiferro (foto di Cristina Cumbo)

Sono elevati i numeri che riguardano i falsi sequestrati e interessano, in particolar modo, il settore dell’arte contemporanea. Queste opere se immesse sul mercato causano, infatti, un notevole danno economico pari a milioni di euro. L’azione repressiva svolta nel 2018 ha visto la denuncia di oltre 160 persone (nel 2017 erano state 198). L’Italia si colloca, tra l’altro, al secondo posto dopo gli USA come paese vittima della contraffazione.

È certamente, però, l’attività di collaborazione con l’Università il punto forte del master. Il Comando, infatti, ha messo a disposizione del Laboratorio del Falso – istituito presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Roma Tre – ben 83 opere, in gran parte dipinti e un finto affresco romano che, per legge, dovranno essere distrutte. Lo scopo è quello di imparare a capire come discernere un’opera d’arte originale da una falsa. Simile obiettivo è quello che si è preposta l’Università degli Studi di Padova con il Progetto MemO, in cui alla creazione di un database open access, alla catalogazione della ceramica greca e magno-greca in Veneto e allo studio del collezionismo, segue lo studio del fenomeno della falsificazione e lo sviluppo di alcune linee guida per l’autenticazione.

«La falsità è un concetto sottile, subdolo» specifica il prof. Claudio Strinati nel corso del suo intervento.

E ancora: «Il falso svilisce l’essenza dell’arte. L’arte non vera non può essere arte» sostiene a conclusione il Gen. B. Fabrizio Parrulli.

Nulla di più corretto, ma non sempre risulta così semplice capire la differenza, soprattutto per i “non addetti ai lavori” che vanno incontro a vere e proprie truffe. Sono numerosi i casi nella storia di falsificazione su supporti originali e di dispute tra studiosi per comprendere l’autenticità o meno di un’opera. Uno degli esempi più noti è certamente quello del Papiro di Artemidoro, al centro di molti dibattiti, oppure del Cranio di Piltdown e della medaglietta di Sucessa. Più comunemente sono le monete, in ambito archeologico, a subire pesanti falsificazioni. Spetta allo studioso esperto del settore riuscire a individuare il falso, valutando alcuni elementi, che spaziano dall’esame dell’iconografia, alla conoscenza delle date di emissione, all’analisi del conio, fino al peso effettivo degli originali. Ma non solo. Gli obiettivi preferiti dei traffici illeciti rimangono le opere d’arte etrusche, spesso vittima di tombaroli. Ebbene, si dovranno però considerare anche i falsari, in quanto il Tenri University Sankokan Museum (Giappone) annovera all’interno della sua collezione una serie di oggetti etruschi contraffatti e nemmeno eseguiti alla perfezione.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Le sfaccettature della falsificazione toccano, perciò, vari aspetti, da quello prettamente archeologico o storico artistico, a quello economico e legislativo. Per smascherare l’imbroglio rimane necessaria un’attività di collaborazione tra le varie professionalità. Non si può dimenticare, infatti, quale aiuto possa apportare la scienza applicata alle opere d’arte e l’immancabile attività diagnostica: raggi X, radiazione UV, spettroscopia raman sono solo alcune delle tecniche che, combinate alle conoscenze di archeologi e storici dell’arte e all’intensa attività investigativa del Comando, riescono a contrastare questo fenomeno sempre attuale in ogni epoca storica.

 

foto-convegno.jpg

Programma del convegno

Master in “Esperti nelle attività di valutazione e tutela del patrimonio culturale”