Mostre 2019

Aperta al pubblico fino al 5 maggio 2019 la mostra “Carabinieri nell’arte”

Roma. È stata inaugurata lo scorso febbraio presso il Museo Storico dell’Arma dei Carabinieri in Piazza Risorgimento la mostra temporanea “Carabinieri nell’arte”

di Cristina Cumbo


 

 

DSC01626

È il Salone d’Onore ad accogliere 25 opere che si dividono tra pittura e scultura, perfettamente integrate con il complesso di oggetti e dipinti facenti parte della mostra permanente narrante la storia della Benemerita.

Al cospetto della grande statua di Carabiniere sulla destra e dei versi di D’Annunzio sulla sinistra, si apre l’esposizione che vede protagonisti proprio i nostri soldati in uniforme nera e rossa. Gli artisti li hanno spesso inseriti all’interno delle proprie rappresentazioni, sempre vicini al popolo in qualità di custodi, sorveglianti, garanti della sicurezza pubblica. Figure a metà tra gli eroi moderni e quelli romantici, i Carabinieri frequentemente raffigurati a coppia, avanzano a passo cadenzato nella bianca Venezia avvolta dalla neve. È una piazza San Marco vuota quella che si prospetta nell’opera di Gaetano Castelli, volta a inquadrare la figura dei due uomini dell’Arma in qualità di silenziose e solitarie sentinelle.

DSC01539

Il cavallo, compagno dell’uomo sin dall’antichità, lo è anche del Carabiniere in pattugliamento o in battaglia con cui si instaura un forte legame di fiducia e affetto: lo vediamo nella Maremma in un dipinto di Giovanni Fattori, o nella sosta ritratta da Mario Bucci, per culminare nella geometrica ripresa di un cubismo echeggiante Picasso di Gaetano Tanzi, terminando infine nel grande e solenne dipinto di Memmo Genua “Punto di riunione”.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

I Carabinieri sono, però, prima di tutto uomini. Compiono il proprio dovere, obbediscono in silenzio e in silenzio soffrono, spesso in solitudine. Li chiamiamo eroi perché questo sono. Indossano un mantello e una divisa, ma al di là di tutto vi è un’anima forte che ama la patria e la famiglia, spesso sacrificata per compiere quelle missioni assegnate senza limite di orario, né di festività. Ed è singolarmente che Gianni Vagnetti ritrae la figura di un carabiniere, seduto e attento, ma allo stesso tempo dallo sguardo perso altrove, forse nelle proprie preoccupazioni.

DSC01543

Cosa ci sarà poi sulla scrivania di un Carabiniere che, nel proprio ufficio, a volte trascorre giornate intere? Pochi oggetti in realtà, come ci comunica Pippo Rizzo nel dipinto “Il Tavolo del Maresciallo” in prestito dalla Fondazione Sicilia (Palermo): il cappello sormontato dal pennacchio rosso e blu dell’alta uniforme, un paio di guanti bianchi riposti accanto a un mazzo di carte da gioco siciliane – di cui si distingue la figura del cavaliere di denari – una chiave, probabilmente quella dell’ufficio stesso, e un orologio, emblema del tempo, che segna le ore 02.20 del mattino oppure le 14.20 del pomeriggio… perché un Carabiniere non ha orari, è sempre in servizio. Sulla parete è appeso un quadro in cui è raffigurata un’apparente battaglia tra cavalieri, mentre la didascalia recita “Carlomagno assiste a una giostra fra il paladino Orlando e un potente maomettano”.

DSC01533

Non vi è solo il lato solenne e sublime, di eroe romantico e tormentato che si scorge nell’arte, ma anche quella di personaggio caratteristico e popolare. È quindi in uno stile quasi vignettistico che Nino Caffè riprende due Carabinieri che colloquiano al Pincio con il celebre sfondo della Cupola. Li ritroviamo anche a stretto contatto con l’arte, richiamando il forte legame instaurato con essa tramite l’operato del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, nei dipinti di Pippo Rizzo “Omaggio a Mondrian”, “Omaggio a Capogrossi” e “Carabinieri all’opera dei Pupi”.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Da ultimo, ma di certo non per importanza, vi è la splendida opera “Zaptiè Libico” di Clemente Tafuri (1937). Un dipinto intriso di storia, quella coloniale che viene appunto ricordata dal bel ritratto di uno zaptiè, militare indigeno arruolato nell’Arma in terra d’Africa , dallo sguardo fiero e attento.

DSC01537

La luce soffusa nel Sacrario, emanata da una lucerna bronzea e perpetua, illumina la grande spada incastonata in un blocco di granito e le medaglie di quanti indossando la divisa dell’Arma morirono per servire lo Stato. Un luogo in cui si respira un’aura di solennità, dove il visitatore è invitato ad ammirare e a riflettere sulle parole in rilievo: “Usi obbedir tacendo e tacendo morir. Obbedimmo”.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per ulteriori informazioni sul Museo Storico dell’Arma dei Carabinieri e sulla mostra, si rimanda al sito ufficiale.

(Le foto nell’articolo sono di Cristina Cumbo)

 

Mercoledì 3 aprile 2019