Flash News

Un colpo al cuore del nostro patrimonio culturale

di Michela De Bernardin


Intorno alle 19 di lunedì 15 aprile un terribile incendio ha rapidamente devastato la Cattedrale di Notre Dame a Parigi. Sotto gli occhi increduli del mondo, prima la guglia centrale e poi tutto il tetto sono crollati, divorati dalle fiamme che hanno avuto la meglio sulla carpenteria lignea e sulla copertura in piombo.

Esclusa per ora la natura dolosa del disastro, si ipotizza piuttosto un problema connesso alle impalcature fissate sul tetto per i massicci lavori di ristrutturazione da poco intrapresi. In effetti solo qualche giorno fa erano state rimosse le 16 statue in rame raffiguranti gli apostoli e gli evangelisti, originariamente collocate attorno alla guglia.

Il Presidente francese, Emmanuel Macron, ha affermato con forza che l’edificio verrà ricostruito. Date le proporzioni dei danni, tuttavia, si prevedono lavori lunghi e dispendiosi che solo parzialmente potranno ricucire la spaventosa ferita materiale e culturale inferta alla capitale francese.

Secoli di arte e di storia vissuti e rappresentati da Notre Dame sono finiti, per sempre, in cenere.

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Categorie:Flash News