Approfondimenti

Rientra in Italia la “Fanciulla con colomba”, un bronzetto rubato nel 1943 dalle Terme di Diocleziano

L’opera è stata individuata nel Museum zu Allerheiligen di Schaffhausen in Svizzera, dove era segnalata come donazione da un importante industriale e collezionista svizzero


 

L’importante recupero è frutto dell’attività investigativa della Sezione Archeologia del Reparto Operativo del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma.

Le indagini dei Carabinieri hanno consentito di ricostruire l’intera vicenda, dal momento del furto alla ricettazione della statuetta, che era stata rinvenuta nel 1903 in una campagna di scavi del tempio di Giunone dell’area archeologica dell’antica città di Norba Latina, l’odierna Norma e musealizzata presso le Terme di Diocleziano del Museo Nazionale Romano.

 

Statuetta

“Fanciulla con colomba” , 350 a.C. (h. cm. 23)

 

 

Successivamente al furto avvenuto nel periodo bellico, la scultura venne localizzata negli anni ’60 presso due importanti musei statunitensi, che l’avevano esposta come proveniente da una non meglio precisata collezione svizzera e l’avevano pubblicata nei rispettivi cataloghi. I Carabinieri l’hanno quindi individuata tra le fotografie di un restauratore di Zurigo, coinvolto in attività d’indagine svolte dal Comando Carabinieri TPC in campo internazionale. Tali elementi hanno consentito di poter giungere fino a Schaffausen, ove l’opera risultava esposta dopo la sua donazione avvenuta nel 1991.

La rogatoria internazionale, emessa dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma, accolta dalla magistratura svizzera, ha permesso il rimpatrio della preziosa statuetta.

L’opera verrà esposta dal 10 giugno presso il palazzo del Quirinale nella mostra “L’arte di salvare l’arte”, realizzata per celebrare i 50 anni del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, in una sezione riservata agli ultimi recuperi.

 

Lunedì 10 giugno 2019