Archivi autore

Fabio Fabrizio

Assegnista di Ricerca in Topografia Antica presso il Dipartimento di Beni Culturali dell'Università del Salento.
Cultore della Materia in Topografia Antica e Archeologia del Paesaggio.
PhD in Topografia Antica con una ricerca sul monitoraggio di Scavi Archeologici Clandestini sul territorio pugliese.
Dal 2005 si occupa di Archeologia Clandestina, Tombaroli, traffici illeciti e Archeomafie.

Scavi clandestini in Italia. Il Cratere di Euphronios

Il Cratere di Euphronios, capolavoro artistico databile all’ultima decade del VI sec. a.C., trafugato negli anni ’70 a Cerveteri ed espatriato illegalmente dall’Italia, è stato a lungo esposto nella più importante sala del Metropolitan Museum di New York. Oggi è conservato presso il Museo Archeologico Nazionale di Cerveteri, ritornando di fatto nel luogo di provenienza

Scavatori clandestini in azione

L’Italia meridionale rappresenta uno dei principali serbatoi dell’archeologia clandestina; dal ‘700 la Campania, la Puglia, la Calabria e la Sicilia sono tra le aree archeologiche più “frequentate” dagli scavi abusivi, spesso commissionati da case d’asta, collezionisti privati o musei stranieri

Intervista a un “tombarolo”

Non è sempre facile per chi si occupa di archeologia, nell’ambito delle istituzioni scientifiche e in quelle della tutela, comprendere le esatte motivazioni che spingono gli scavatori clandestini ad interessarsi ad attività illegali di scavo finalizzate ad altrettanti illeciti guadagni